Argentina, la polizia spara proiettili di gomma contro bimbi in maschera

Argentina, la polizia spara proiettili di gomma contro bimbi in maschera

ROMA  – E’ scandalo in Argentina, dopo che agenti della polizia federale e la gendarmeria – in un’operazione congiunta – hanno sparato proiettili di gomma contro i partecipanti ad una parata di carnevale, ferendo gravemente 16 persone, tra cui 5 bambini (due dei quali finiti in ospedale).

L’episodio si è verificato nel quartiere Bajo Flores, a sud di Buenos Aires, venerdì scorso: la folla ballava e cantava per le strade seguendo la musica di una street band, ‘Los Autenticos reyes del ritmo’, famosa nella zona – secondo quanto detto dai residenti – per il messaggio di pace e allegria che trasmette. A testimonianza di ciò, il fatto che la folla fosse composta in prevalenza da bambini e ragazzi. In un video diffuso dal quotidiano Republik e girato da uno dei presenti, si sentono ripetuti spari e qualcuno gridare di fermarsi, perché “ci sono dei bambini!”. Ma le esplosioni non si placano, e la gente tutt’intorno grida. Gli agenti sono arrivati all’improvviso e senza un motivo chiaro: “nessuno ha fatto niente che potesse aver provocato il loro intervento” ha raccontato uno degli abitanti del quartiere. Uno dei membri del gruppo si è subito avvicinato agli agenti per cercare una mediazione, ma è stato a sua volta colpito ben 14 volte. Il giorno dopo, alcuni membri del Fronte per la vittoria (il partito dell’ex presidentessa Christina Kirchner) si sono recati alla Procura generale per un incontro con i testimoni, e raccogliere quindi racconti e informazioni per poter fornire alle vittime il supporto necessario a un’azione legale che porti alla luce eventuali abusi di potere. “Durante la dittatura militare il carnevale – come altre manifestazioni artistiche e di festa – erano vietate: cerchiamo di far sì che quella triste fase della nostra storia non si ripeta“, conclude il Republik, commentando la vicenda. (Agenzia Dire)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close