A “Fa’ la cosa giusta!” arriva l’Apeshakespeare con attori e cuochi ex detenuti

foto da www.apeshakespeare.org/

MILANO – A Fa’ la cosa giusta! arriva un’ape(car) che porta cibo e teatro. L’Apeshakespeare è il frutto di un progetto che coinvolge attori e cuochi ex detenuti del carcere di San Vittore. Con un’apecar girano per piazze, scuole e teatri con un vasto repertorio di ricette e animazioni teatrali. Hanno iniziato il 1 maggio del 2015, in occasione dell’apertura di Expo. Da novembre, dopo che è finita l’esposizione universale, hanno partecipato ad un centinaio di eventi. “A Fa’ la cosa giusta organizzeremo laboratori per le scuole -sottolinea Donatella Massimilla, attrice e fondatrice del Centro europeo teatro e carcere (Cetec) che oltre all’Apeshakespeare ha dato vita in 20 anni a tanti altri progetti di teatro nella casa circondariale di Milano-. Con questa esperienza di strada uniamo educazione al cibo, al teatro e all’arte”.

Fa’ la cosa giusta!, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, si terrà dal 18 al 20 marzo nei padiglioni di Fieramilanocity. Oltre all’Apeshakespeare, i visitatori troveranno altre 16 realtà di “Economia carceraria”, vale a dire cooperative e associazioni che nelle carceri italiane curano la formazione professionale e l’inserimento lavorativo dei detenuti. Propongo prodotti di qualità. Dai biscotti “Brutti e buoni” preparati nel carcere di Brissogne in Val d’Aosta (con la cooperative Enaip) alla pasticceria a base di mandorle e pistacchi delle cooperative nate nelle case circondariale di Siracusa e Ragusa (“Sprigioniamo sapori” e “L’Arcolaio”). Si dedicano ai dolci anche la Banda Biscotti di Saluzzo e Verbania e “Dolci libertà” di Busto Arsizio. Si potrà inoltre gustare la Birra Vale la Pena, opera dei detenuti di Rebibbia e Regina Coeli (Roma), oppure il caffè delle Lazzarelle, cooperativa del carcere femminile di Pozzuoli (Napoli) e assaggiare i taralli di “Campo dei miracoli” nell’istituto penale di Gravina di Puglia (Bari).

Oltre al cibo, nelle carceri italiane si producono anche abbigliamento, borse e accessori. Dalla casa circondariale di Marassi (Genova) arrivano a Fa’ la cosa giusta! t-shirt e felpe serigrafate con frasi dei più grandi cantautori italiani. Propongono magliette e felpe anche Extraliberi di Torino e Made in Jail di Rebibbia. Le donne rinchiuse a San Vittore e Bollate (Milano) propongono abiti femminili di alta moda, mentre “Malefatte” da Venezia propone borse e accessori con materiale di riciclo. Ci sono poi cooperative carcerarie che eseguono lavori di falegnameria (EStia), giardinaggio (Opera in fiore), tipografia (Zerografica). (Agenzia Redattore Sociale)

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Informativa estesa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close