Sesso e disabilità, Garlaschelli: “Il muro di silenzio si sta sgretolando”

Ci ha impiegato oltre 35 anni a scrivere il suo ultimo volume, “Non volevo morire vergine” (Piemme), Barbara Garlaschelli. Scrittrice affermata, vincitrice 13 anni fa del premio Scerbanenco, non è la prima volta che riflette sulla sua vita in un romanzo. Il 3 agosto del lontano 1981 un tuffo in acqua bassa le ha causato una grave paralisi, e da quel giorno ha cominciato a ripensare a se stessa e al suo corpo. Così, a 16 anni di distanza da

Read More...

“Voglio fare l’assistente sessuale”

SALERNO – Sesso e disabili. Un tema molto dibattuto ultimamente (esiste anche una proposta di legge in merito) è quello del diritto della persona disabile alla salute e al benessere, compreso, naturalmente, quello sessuale. La figura che dovrebbe occuparsene è quello dell’assistente, grazie a una preparazione specifica. L’argomento è stato al centro di un convegno svoltosi all’Università di Salerno al quale ha partecipato anche Anna Pierobon, aspirante “lovegiver”, che in una videointervista alla Dire spiega perché vuole dare assistenza sessuale ai disabili. “È

Read More...