Homeless zero, siglata intesa

foto da Facebook

TAORMINA – Apertura ufficiale della campagna nazionale della Fio.psd “Homeless zero” con la firma del protocollo d’intesa tra il ministro delle politiche sociali e del lavoro Giuliano Poletti e la presidente della Federazione italiana per gli organismi dei senza dimora (Fiopsd) Cristina Avonto. L’iniziativa introduce ufficialmente la kermesse che si svolgerà tra poche ore al teatro antico del Taormina filmfestival.
Con la firma dell’accordo, avvenuta al Palacongressi di Taormina, si consolida tutto il lavoro sinergico che articolato per i vari territori italiani si metterà in campo tra la Fiopsd e il governo italiano.

“La povertà è un tema che va affrontato trovando le strade idonee per aiutare gli invisibili – afferma il ministro Poletti – cioè tutti coloro che non hanno voce e  che hanno bisogno del nostro sostegno concreto. Fiopsd ha il grande merito di tenere insieme tante realtà che cercano di aiutare direttamente queste persone. Un plauso particolare va a tutti i volontari che ci raccontano cosa succede la sera nelle grandi città e ci danno una fotografia di questo mondo. In Italia sono circa 150 mila coloro che sono in uno stato di povertà estrema. Noi abbiamo il dovere di cercare delle risposte”.
“Con la firma del protocollo – continua il ministro – ci impegneremo concretamente promuovendo la continuazione del progetto Housing first affinché tutti possano avere una casa. A questo proposito 100 milioni di euro verranno stanziati per il piano nazionale di lotta alla povertà. I poveri ci sono sempre stati ma non c’era mai stato un capitolo di bilancio finora destinato. Nei prossimi mesi partiranno i progetti con Fiopsd nei vari territori. Un miliardo di euro contiamo di stanziare ogni anno per la lotta alla povertà. Bisogna dare l’opportunità e una possibilità a tutti  ma anche partendo da chi è più fragile che non è nella possibilità di giocare alla pari con la partita della vita. La scelta di essere a Taormina è molto significativa proprio per fare luce senza alcuna vergogna su un tema su cui nessuno si deve girare dall’altra parte. Ringrazio Taormina a nome del governo per avere dato questo segno cosi importante”.






“Cerchiamo di dare dignità da più di 30 anni a coloro che sono più fragili – sottolinea Cristina Avonto -. In questo momento la disponibilità del ministro che mette questo problema per la prima volta all’interno del piano nazionale è davvero un segnale importantissimo. Il ministro ha raccolto con sensibilità e attenzione questo tema e ne siamo molto grati. 50 sono le associazione che sono già partite per Housing first facendo uscire dalla strada 500 persone. Abbiamo portato questi risultati al ministro lanciando una sfida che adesso proseguirà attraverso la campagna homeless zero che auspica che non ci siano più persone che vivono in strada. Vogliamo che la società prenda in carico il problema e solo con la forza di tutti questo è possibile. Promettiamo fra un anno di potere dire che le persone con una casa saranno il doppio di quelle di adesso”.

Presente alla firma anche il testimonial della campagna, il noto attore Richard Gere che ha girato il docufilm “Time out of mind” che in anteprima verrà proiettato all’interna della rassegna per 300 homeless della Sicilia. “Non immaginate quanto sia commosso di essere qui – afferma -. 12 anni fa avevo il sogno di potere fare un senza tetto che poi si è realizzato. Il film cerca di comunicare in maniera universale in tutto il mondo una realtà che tutti dobbiamo conoscere. Ho girato a New York ma il problema della povertà estrema esiste in tutte le parti del mondo. Spero di potere in questo modo contribuire al cambiamento sociale stimolando l’opinione pubblica. Adesso tocca agli altri fare la loro parte e mi sembra che l’Italia voglia adesso impegnarsi per dare continuità concreta a quello che nel mio piccolo anche io ho cercato di fare come attore. Sono onorato di essere con voi e di contribuire anche al vostro cambiamento. Mi auguro che anche in altri paesi ci possa essere la stesso impegno e la stessa sensibilità. Ringrazio chi ogni giorno fa il lavoro vero a fianco dei più poveri”. (Agenzia Redattore Sociale)