Diabete, anche ai pazienti crotonesi strumenti di ultima generazione per l’autocontrollo glicemico

diabete11

Qualche settimana fa la III Commissione Consiliare del Comune di Crotone, su richiesta del Consigliere Enrico Pedace, rappresentante dell’Associazione giovani diabetici “Areteo” aveva sollevato la grave problematica della patologia diabetica, sia giovanile che degli adulti, della nostra provincia.

Nell’occasione la Commissione aveva scritto, tra gli altri, al direttore  Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone Sergio Arena chiedendo di voler affrontare in modo risolutivo il problema.

In queste ore è arrivata la risposta del dott. Arena il quale comunica alla III Commissione che anche ai pazienti diabetici della provincia di Crotone potrà essere validamente garantita la fruizione dei presidi diagnostici e terapeutici di ultima generazione per l’autocontrollo glicemico.

Il Dott. Arena specifica che nell’ambito del Decreto n. 146 – adottato dal Commissario ad acta per l’attuazione del Piano di Rientro dal debito in sanità della Regione sono state approvate, tra I’altro, le “Linee guida in materia di prescrizione e dispensazione a carico del Servizio Sanitario Regionale di dispositivi per l’autocontrollo e l’autogestione di soggetti affetti da diabete con 1o scopo di recepire l’innovazione tecnologica, introducendo l’utilizzo del nuovo dispositivo per l’automonitoraggio della glicemia FMG (FLASH GLUCOSE MONITOR) e del dispositivo i-port per i pazienti terapia multi-iniettiva e definire un processo operativo per l’applicazione degli standard relativi all’uso dei suddetti presidi.

Al riguardo, si fa osservare, che potrà essere richiesto il dispositivo per l’automonitoraggio della Glicemia tramite FMG per utenti condizioni: diabete tipo 1, età pediatrica (4-l7), glicemie capillari/die 7, HbAlc stabilmente 8% nelle ultime 4 determinazioni in pazienti con età < 65 anni, necessità di controllo notturno della glicemia (discrepanza non altrimenti spiegata fra autocontrollo domiciliare e HbAlc), somministrazione giornaliera di 3 o più insuline diverse.

Quella del dott. Arena è una comunicazione importante per tutti i soggetti affetti dalla patologia.

La III Commissione Consiliare ed il Consigliere Comunale Enrico Pedace, in rappresentanza dell’Associazione giovani diabetici “Areteo” nell’accogliere con grande soddisfazione la comunicazione del direttore generale dell’ASP di Crotone lo ringraziano per la grande sensibilità dimostrata nel cogliere l’appello della Commissione stessa e per la importante risposta che viene data a tanti soggetti affetti da questa particolare patologia nella provincia di Crotone.

Ringraziamento che estendono alla Prefettura di Crotone che con altrettanta sensibilità istituzionale aveva preso carico del problema. (Comunicato Stampa)

COPIA SNIPPET DI CODICE