Callipo: “la malapolitica calabrese ha favorito lo sviluppo della ‘Ndrangheta”

VIBO VALENTIA – Dopo le dichiarazioni del sostituto procuratore generale di Catazaro, Salvatore Dolce, che nel corso della cerimonia di premiazione del Premio Borsellino, a Pescara, aveva detto che la classe politica calabrese non era seriamente impegnata nella lotta alla ‘Ndrangheta, anche l’imprenditore calabrese Pippo Callipo è intervuto sul tema. Lo fa fatto dal suo profilo Facebook sul quale ha scritto: “Sono pienamente d’accordo con il pg di Catanzaro, Dolce. Io lo denuncio da diversi anni e aggiungo che la malapolitica calabrese ha favorito lo sviluppo della ‘ndrangheta e soprattutto della mafia con la penna (la burocrazia) in Calabria. A beneficio di “prenditori” che poi redistribuiscono i guadagni illeciti. Sarebbe ora che i Calabresi prendessero coscenza di tutto ciò è pensassero ad una vera rivoluzione”.

Redazione


Pippo Callipo, a capo di un gruppo di aziende che si occupa della produzione e commercializzazione di tonno e altri prodotti ittici, è stato candidato per la Presidenza della Regione Calabria alle elezioni regionali del 2010 con l’ appoggio di più di diverse associazioni espressione della società civile, dell’Italia dei Valori e della lista Pannella-Bonino, ottenendo il 10,02 % con oltre 100.000 voti ricevuti.